I nostri ultimi articoli

  • Home
  • Il ConsumaLibri

A cura di Giulia Zipoli

Consumo, società, politica e comunicazione attraverso i libri di oggi e di ieri.


CONSUMO, DUNQUE SONO

Autore: Zygmunt Bauman

Traduzione di: Alberto Pezzotta

Genere: Saggio Società, Politica e Comunicazione

Editore: Laterza 2008

 

 Un libro del 2008 ma ancora attualissimo, un’analisi lucida e tremenda della società che ci circonda.

Talmente attuale che le ripercussioni delle tendenze descritte dall’ultimo grande filosofo della società contemporanea, scomparso nel 2017, forse dobbiamo ancora viverle, ci aspettano in un futuro ormai prossimo.

«Consumiamo ogni giorno senza pensare, senza accorgerci che il consumo sta consumando noi
e la sostanza del nostro desiderio. È una guerra silenziosa e la stiamo perdendo».
Con queste parole Zygmunt Bauman *, uno dei più grandi osservatori dei nostri tempi, descrive la società dei consumatori, caratterizzata dal desiderio spasmodico di essere felici, sempre più felici, ancora più felici, per quantità e intensità.  

Questo obbligo alla felicità ci rende però isolati, alienati, svuotati dalla nostra vita frenetica che ci costringe a una competizione continua per la visibilità.

A cominciare dai giovani, tutti hanno avuto la necessità di mostrare il proprio Io sui social-media in una sorta di ossessione collettiva per l’autopromozione.

In una società che vive per il consumo e trasforma tutto in merce, non siamo in grado di accorgerci che in tutti i mercati valgono le stesse regole e che quindi noi, i consumatori, siamo la nuova merce.

Oppure ne siamo consapevoli ma scegliamo di stare al gioco, di non ribellarci e con una sorta di tacito assenso lasciamo che il nostro tempo diventi, per usare l’espressione di Bauman,  “puntizzato”. Viviamo cioè solo ed esclusivamente nel presente, dimenticando il passato e senza guardare al futuro.

In una sorta di profezia fulminante il filosofo descrive la nostra epoca, fatta di tempo frammentato, mercificazione di ogni cosa, persino dei sentimenti, e sovraccarico d’informazione.

E lancia a tutti noi un forte messaggio: dove sono finite le nostre capacità critiche?

Da leggere, ve lo consiglia EACI!

 

Giulia Zipoli

 

 

* https://www.raicultura.it/storia/articoli/2019/01/Eco-della-Storia---Bauman-e-la-modernit224-liquida-f0a3ae88-a84a-4f74-a419-ca887be4bfb8.html